Amstrad presenta il GX4000

amstrad-logo-1024x523

Nel Giugno del 1990 una famosa marca di home computer e non solo, tentò la strada dell’home gaming attraverso una console. Di chi sto parlando? Ma della gloriosa Amstrad e il progetto GX4000.                 

Questa console a 8 Bit a cartucce, fu orientativamente un evoluzione dei sistemi CPC che resero famosa la marca Inglese nel firmamento videoludico del periodo.

ImageEsaminando bene la console, viene subito all’occhio la sua data di uscita, piuttosto tarda per un hardware a 8 bit considerando la concorrenza agguerrita di Sega e Nintendo, nonché Nec e Commodore. Fortuna vuole che la macchina abbia ottime capacità grafiche di spicco che la resero interessante al pubblico. Considerando anche la piacevole, curvilinea estetica e un sistema a cartucce collaudato, tutto sembrava filare liscio. Ma purtroppo il futuro della macchina venne segnato dopo poco più di un anno della sua uscita. Il GX4000 venne commercializzato ad un prezzo bomba di 99 sterline assieme al titolo Burnin’rubber, che però non convinse troppo il pubblico. Quindi dopo aver venduto poco più di 150.000 esemplari e altri 40.000 in Francia dove l’Amstrad vantava di sostenitori incalliti,venne terminata la sua produzione e diffusione.

Se andiamo nello specifico, non considerando la mancanza di supporti come cassette o floppy, la console era davvero un bello step avanti rispetto i CPC venduti fino a quel periodo. Tutti i difetti principali vennero eliminati e alcune caratteristiche l’avvicinavano a macchine decisamente più prestanti quali Sega MegaDrive o Commodore Amiga. Il parco giochi della console era di tutto rispetto, titoli come Barbarian 2, Crazy Cars 2 e No Exit, furono solo alcuni dei migliori prodotti, ma la mancanza di una vera e propria Killer App fu la mazzata decisiva.

Chi lo sà, magari se solo fosse stata commercializzata prima le cose sarebbero andate diversamente, fatto sta che Amstrad uscì di scena lasciando un eredità per pochi addetti ai lavori, addetti che ancora oggi sanno apprezzarla con un sorriso esponendola fiera nella propria collezione.

Il Gx4000 in tutto il suo splendore.

Print Friendly

FORSE TI POTREBBERO INTERESSARE:

The following two tabs change content below.

MCP

Originariamente creato dal fondatore di ENCOM, Walter Gibbs, l'MCP era solo un programma di scacchi e venne lasciato incorporato nei sistemi informatici aziendali. Anni dopo , Dillinger modificò questo programma, trasformandolo nell'amministratore della rete aziendale. Tuttavia, l'MCP sviluppò la capacità di apprendere e di crescere oltre i confini della sua programmazione originale e fu a quel punto che arrivò Emiliano Buttarelli che, con il suo seducente accento romanesco, lo convinse di essere suo padre. Da quel giorno l'MCP vive soggiogato dal Buttarelli e viene utilizzato come super-ultra-utente amministratore ( con la poltrona in pelle umana) per entrare dentro al blog di RGM e fare il culo a tutti.
Puoi lasciare un commento, o faretrackback dal tuo sito.

Lascia un commento