Post presenti nella categoria: ‘Amstrad CPC’

Edge Grinder © 2011 Format War per Amstrad CPC.

edge_grinder_cpc_-_title

Edge Grinder è un videogioco di genere sparatutto, prodotto nel 2011 dalla Format War per il computer a 8-bit Amstrad CPC.

STORIA:

Guida il coraggioso pilota LimboLimTandell, durante il volo di collaudo di una nuova navicella spaziale.

Read more »

BB4CPC (Bubble Bobble 4 CPC) – Remake di Bubble Bobble per Amstrad CPC

bubble

Bubble Bobble è un videogioco di genere a piattaforme prodotto e pubblicato dalla CNG Soft nel 2011 per Amstrad CPC

STORIA E GAMEPLAY:

Uno o due giocatori prendono il ruolo di Bub e Bob, due simpatici dinosauri (trasformati da una sorta di incantesimo) che devono farsi strada attraverso 100 livelli zeppi di piattaforme per salvare le loro fanciulle. Bub e Bob sono armati solamente della loro capacità di creare bolle, in cui i molti nemici del gioco possono essere intrappolati ed uccisi. Le bolle possono essere usate anche come piattaforme temporanee, per cercare di raggiungere aree del livello altrimenti irraggiungibili.

Read more »

R-Type (Remake) – Amstrad CPC (128k)

manual-cover1

R-Type è un videogioco di genere sparatutto pubblicato dalla Easter Egg il 3 Febbraio 2012 per Amstrad CPC (128k).

STORIA

Infuria la guerra tra la Terra e l’impero del male Bydo. È possibile controllare una nave spaziale, l’ R-9, armata con un cannone singolo di base in grado di distruggere i nemici più deboli. Successivamente, sarà possibile effettuare (tramite alcuni pod disseminati nei vari livelli) l’ installazione di diverse armi aggiuntive sulla nave, ognuna adatta ad ogni particolare tipo di struttura e composizione dei livelli stessi.

Read more »

L’angolo dei giochi perduti (e poi ritrovati) – MEGA TWINS per Amstrad CPC

mega

Mi è capitato qualche tempo fà di imbattermi, con un’attenta ricerca mirata (o “googlata” che dir si voglia) in quei tanti siti per il Commodore 64, dove vengono catalogati videogiochi mai rilasciati, magari ai primissimi stadi di programmazione, ma mai terminati a causa delle “perfette” strategie di mercato che venivano attuate, spesso e volentieri, da varie software house dell’epoca…

Read more »