Posts con Tag ‘Atari 8-bit’

Atari old school frenesia: Software contest ABBUC 2014

arielJoystick

Anzianotti di tutto il mondo gioite. Come al solito, l’ultimo sabato del mese di ottobre (il giorno che precede la notte in cui l’Europa torna all’ora legale) i membri dell’Atari Bit Byter User Club (ABBUC) si ritrovano per la loro riunione annuale. Questi signori si riuniscono in una stanza e, tutti insieme, sprigionano una bolla di vecchiezza molto potente all’interno della quale torna di moda il taglio mullet, si balla sincopati i pezzi dei Duran Duran, si accendono tutti i neon colorati e ci si gasa giudicando il miglior gioco per computer Atari a 8 bit.
Anche quest’anno non è stato diverso dagli altri anni e i premi sono stati assegnati a tanti bei giochini nuovi-nuovi per i quali i decrepiti adoratori del vecchio come me potrebbero commettere atti inconsulti come farsela nel pannolone o peggio, saltare il rosario delle sei (quello di padre Anselmo da Procida).
Volete venire nella bolla di vecchiezza con me? Venite, dai! Approfittiamone adesso che le suore non vedono.
( shared from Chi non Corre è Perduto )
Read more »

Tutorial: come convertire immagini per i computer Atari 8 bit

Atari800XLBox_e

Tra i tanti mirabolanti slogan con cui venivano mitragliate le masse di potenziali acquirenti di home computer negli anni 80 ce n’era uno che probabilmente era il più ricorrente : “Qualità delle immagini incredibile”. E la cosa spesso, considerati i tempi, non mancava di verità anche se poi alla fine tutta sta “meraviglia” nel 90% dei casi si riduceva ai classici giochini con una manciata di pixel in movimento e non si riusciva ad ammirare le reali capcità che molte di queste macchine lasciavano inespresse “sotto al cofano”.

Oggi però abbiamo la possibilità di toccare con mano le (davvero) incredibili capacità grafiche di un computer di 35 anni fa convertendo qualsiasi immagine in un formato visualizzabile su tale macchina cosí da renderci conto di cosa era davvero capace il simpatico “mostriciattolo da salotto”.

Read more »