Ciao ciao colour clash… ora c’è NIRVANA!

nirvana

L’incapacità dello ZX Spectrum di visualizzare più di due colori in un blocco di 8×8 pixel è stata da sempre la spina nel fianco e causa di critiche per la geniale creatura di Clive Sinclair.

Finalmente però i fan dello “Spettro Nero” potranno godere di immagini coloratissime.

Come? Grazie all’ultima opera di Einar Saukas: il Nirvana Engine!

Eh si cari miei… avete visto bene… ecco come appaiono le immagini generate da uno Spectrum che fa uso del Nirvana Engine.

Prima di tutto un breve ripasso “storico”.

Le cosiddette “Rainbow graphics” non sono nuove sullo Spectrum. Vennero utilizzate per la prima volta nel 1985, introdotte nella conversione di Hyper Sports.
Ci sono però voluti ben 24 anni prima che venisse dato il via al vero “sviluppo in multicolor” sullo Spectrum grazie al driver ColorPrint creato da Andrew Owen per la realizzazione di caratteri multicolore.

Gli sprite software di Nirvana Engine

Gli sprite software di Nirvana Engine

 

Con il successivo rilascio  nel 2011 mise a punto anche l’engine ZXodus  (sempre ad opera di Andrew Owen) e di BIFROST di Einar Saukas, pochi mesi dopo, l’uso di tiles/sprites multicolor divenne facilmente accessibile agli sviluppatori di giochi per Speccy.

Nirvana è il culmine di 4 anni di lavoro in questo senso.

Il motore produce un display multicolor basato su tiles su 30 colonne e 22 linee.
È capace di modificare gli attributi colore ogni 2 scanlines in modo da ottenere un’immagine da 8×2 celle quasi a schermo intero.

Non solo… Nirvana supporta anche una gestione di 8 sprites software gestibili senza il minimo impatto sulle performance e facilmente animabili.

Nirvana funziona su tutti i modelli di Spectrum con almeno 48K RAM ed è liberamente distribuibile ed utilizzabile per la realizzazione dei propri programmi a patto di menzionare esplicitamente che l’utilizzo dell’engine nella propria opera.

Le animazioni degli sprite software realizzabili con Nirvana Engine

Le animazioni degli sprite software realizzabili con Nirvana Engine

Per rendere la vita più facile agli sviluppatori Nirvana si integra facilmente con il ZX BASIC di Boriel, e supporterà in futuro Z88dk.

Ovviamente fremiamo nell’attesa di nuovi giochi che verranno rilasciati facendo uso di questo incredibile motore grafico.

Nell’attesa potete dare un occhiata alle notizie dettagliate pubblicate su World of Spectrum

Print Friendly

FORSE TI POTREBBERO INTERESSARE:

The following two tabs change content below.
Vittima della video invasione degli alieni del 1978 viene totalmente privato della volontà e plasmato ad immagine e somiglianza dei "Nuovi Dei" digitali dai loro contemporanei araldi robotici giapponesi. Piombato in un abisso informatico dal quale è impossibile riemergere vive la costante evoluzione tecnologica con fervente entusiamsmo ma con la consapevolezza che non c'è futuro se non si conosce e si rispetta il passato. Commodoriano di ferro ma con solide e profonde radici Atariane, non potrebbe trovarsi a suo agio se non in una gabbia di matti... e per questo sta tanto bene nella redazione di The Retrogames Machine...

Ultimi post di MetalRedStar (vedi tutti)

Puoi lasciare un commento all'articolo. 'Pinging' non permesso attualmente.

Lascia un commento